È stato portato a termine il restauro dell’antico organo della Pieve di San Cresci da parte della prestigiosa ditta Vincenzo Mascioni di Cuvio (Varese)

foto

vai ]

 

Prodotti tipici - a spasso per Greve in Chianti

I materiali

Cava di pietra forteLa pietra forte e la pietra macigno sono le pietre tipiche dell’architettura rinascimentale fiorentina. Appartengono alla famiglia delle arenarie, che sono formate dalla cementazione naturale di una sabbia e trovano vasto impiego come materiale da costruzione.

Pietra FORTE:
pietra arenaria a grana fine, che al taglio in cava si presenta di un colore grigio-azzurrognolo e si trasforma poi, in opera, in un grigio-marrone o giallo intenso a causa della veloce alterazione del ferro contenuto nella pietra.
Silicea di grana fine, compatta e resistente, la pietra forte aveva dato l’impronta alla Firenze medievale “tutta pietra di color ferrigno” e fu ancora usata nei paramenti dei palazzi del pieno Rinascimento (Medici, Antinori, Pitti, Strozzi, Gondi).
Nel territorio del Comune di Greve in Chianti, in località Santa Cristina, è in attività una cava di pietra forte dalla quale si estraggono mediamente 2.500 mc. di pietra ogni anno.

Pietra MACIGNO:
è di due tipi, pietra serena e pietra bigia. La pietra serena ha un colore ceruleo chiaro tendente al grigio-azzurrognolo; la pietra bigia, di grana più sottile della serena, ha il colore della terra. Anche la pietra serena trova largo impiego come materiale da costruzione perché facilmente lavorabile. Trovò largo utilizzo nel passato per la realizzazione di capitelli e peducci e per le colonne monolitiche di grandi dimensioni (interni di San Lorenzo e di Santo Spirito, cortili di Palazzo Strozzi e Gondi). Nella realizzazione dello “Spedale degli Innocenti” il Brunelleschi introdusse l’uso della pietra serena anche per la realizzazione della facciata.
Nel territorio del Comune di Greve in Chianti, in località Caprolo, è in attività una cava di pietra serena dalla quale si estraggono mediamente 3.000 mc. di pietra ogni anno.

ARGILLA:
è una roccia sedimentaria clastica, di aspetto terroso, molle e grassa, che imbevuta di acqua si trasforma in una massa plastica, facilmente modellabile. Viene utilizzata come materia prima nella realizzazione di materiali per l’edilizia ed ornamentali in terracotta.
Tramite processo di cottura in fornace a temperature che possono superare i 1000° C si ottengono impasti argillosi variamente modellati. Nel territorio del Comune di Greve in Chianti, in località Il Ferrone e Strada in Chianti, sono in attività 3 cave di argilla dalle quali si estraggono mediamente 30.000 mc. di argilla ogni anno, destinati alla realizzazione dei laterizi ed oggetti ornamentali in terracotta.

In foto cava di pietra forte

Informazioni:
Ufficio Cultura

tel. 055 8545245 - e-mail: m.covino@comune.greve-in-chianti.fi.it
Ufficio Informazioni Turistiche:

tel. 055 8546299 - e-mail: info@turismo.greveinchianti.eu
 
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!