È stato portato a termine il restauro dell’antico organo della Pieve di San Cresci da parte della prestigiosa ditta Vincenzo Mascioni di Cuvio (Varese)

foto

vai ]

 

Itinerari - a spasso per Greve in Chianti

3) ITINERARIO dei colli

Scendendo dalle alture del Chianti, o provenendo da Siena, si arriva a Panzano in Chianti, il più antico e, fino alla metà dell’Ottocento, più popolato centro della Val di Greve.
I primi insediamenti di notevole importanza risalgono al periodo dell’evangelizzazione del Chianti, ma sono stati trovati anche reperti etruschi e romani. Il castello di Panzano è posto sulla sommità del colle, dove si trova anche la Chiesa di Santa Maria a Panzano, ricca di opere d’arte. A breve distanza si raggiunge, con una piccola deviazione dalla Chiantigiana, la Pieve di San Leolino a Panzano che, insieme alla Badia di Passignano, è senza dubbio il complesso più prezioso e conosciuto di tutto il Chianti, abitato fin da epoca etrusca. Sul lato opposto della strada si accede all’Oratorio di S. Eufrosino.
Da qui, per ritornare verso Greve in Chianti, si può scegliere fra due percorsi ugualmente suggestivi. Il primo è la strada dei colli che separa la Val di Greve dalla Val di Pesa, in una splendida posizione panoramica che spazia dalla Val d’Elsa all’Appennino, dove si incontrano due pievi che in passato ebbero una notevole importanza: San Pietro a Sillano, oggi di proprietà privata, e San Cresci (dal nome volgarizzato del santo martire Acrisio), monumento fra i più antichi documentati nella Val di Greve, attestato per la prima volta nel 963. Da qui si ridiscende nel capoluogo, per una strada che permette una splendida vista sul Castello di Montefioralle.
Il secondo percorso, che collega Panzano in Chianti al capoluogo in direzione est, tocca invece Lamole, dove si trova la Chiesa di San Donato, nella quale ogni estate si tengono, da alcuni anni, i concerti organizzati dall’Associazione Pro Musica Firenze.
Lungo la strada panoramica che, da Lamole, ritorna verso il capoluogo, incontriamo una antica villa originaria del Quattrocento, il Castello di Vignamaggio.

Informazioni:
Ufficio Cultura

tel. 055 8545245 - e-mail: m.covino@comune.greve-in-chianti.fi.it
Ufficio Informazioni Turistiche:

tel. 055 8546299 - e-mail: info@turismo.greveinchianti.eu
 
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!