È stato portato a termine il restauro dell’antico organo della Pieve di San Cresci da parte della prestigiosa ditta Vincenzo Mascioni di Cuvio (Varese)

foto

vai ]

 

Cosa visitare - a spasso per Greve in Chianti

Il Chianti

Emanuele Repetti, nel suo Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana, definisce così il Chianti:
“….vasta, montuosa, boschiva e agreste contrada, celebre per i suoi vini, per il saluberrimo clima e più celebre ancora per la sua posizione geografica, la quale può dirsi nel centro della Toscana Granducale……è nel Chianti dove si toccano i territori di cinque antiche diocesi, Arezzo a levante, Siena a ostro, Volterra a ponente, Fiesole e Firenze a settentrione……”.
L'origine del nome Chianti non è certa: secondo alcuni potrebbe derivare dal termine latino clangor (rumore), a ricordare il rumore delle battute di caccia effettuate nelle foreste di cui era ricca la zona; secondo altri il nome deriverebbe dall'etrusco “clante”, gentilizio diffuso nella zona, o sempre dall'etrusco “clante” (acqua) di cui la zona era, ed è, ricca, favorendo la crescita delle uve.
Dalla fine dell’VIII secolo, quando il Chianti è ricordato per la prima volta in una pergamena datata al 14 luglio del 790, fino all’inizio del XIV secolo, il toponimo compare poche volte e senza una chiara corrispondenza spaziale.
I primi documenti in cui con il nome Chianti si identifica una zona di produzione di vino (ed anche il vino prodotto) risalgono al XIII secolo, e si riferiscono alla Lega del Chianti costituita a Firenze per regolare i rapporti amministrativi con i terzieri di Radda, Gaiole e Castellina. L'insegna della Lega del Chianti era un Gallo Nero in campo dorato, e questo simbolo è divenuto l'emblema del Consorzio del Chianti Classico per la tutela dell'omonimo vino. Nel XVIII secolo, per esattezza, in un bando granducale del 1716, si delinea come Chianti il territorio che si estende “… Dallo Spedaluzzo, fino a Greve; di lì a Panzano, con tutta la Podesteria di Radda….”. Nascono pertanto due definizioni della zona geografica : “alto Chianti” per indicare quello della Podesteria di Radda, erede della lega medievale, e “basso Chianti” quello della Podesteria di Greve, acquisito per vocazione vinicola.

Giorgio Vasari

Il Chianti e la letteratura

Informazioni:
Ufficio Cultura

tel. 055 8545245 - e-mail: m.covino@comune.greve-in-chianti.fi.it
Ufficio Informazioni Turistiche:

tel. 055 8546299 - e-mail: info@turismo.greveinchianti.eu
 
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!