È stato portato a termine il restauro dell’antico organo della Pieve di San Cresci da parte della prestigiosa ditta Vincenzo Mascioni di Cuvio (Varese)

foto

vai ]

 

Castelli e borghi - a spasso per Greve in Chianti

Castello di Mugnana

Mugnana rappresenta il caso tipico di trasformazione di un castello, inteso come villaggio fortificato (dotato anche di una chiesa parrocchiale, intitolata a San Donato), in residenza privata monofamiliare, dal momento in cui, nel corso del XIV secolo, le sue strutture, insieme a quelle del dirimpettaio Castello di Sezzate entrarono a far parte del patrimonio della famiglia fiorentina dei Bardi, ai quali è stata attribuita (forse erroneamente) la torre, alta in origine circa 60 metri e poi ridotta per motivi militari (l’avvento delle armi da fuoco rendeva proibitive queste altezze), e l’attuale cortina muraria di notevoli dimensioni, ma tutte preesistenti al XIV secolo.
Mugnana subì danni nel corso dell’assedio di Firenze (1530) ed anche nel 1896, quando un terremoto causò la distruzione della parte alta del cassero, riducendo ulteriormente l’altezza della torre.
Nonostante i vari interventi di ristrutturazione e di restauro che hanno adattato molte strutture interne ad un gusto “medievale” ottocentesco, è ancora oggi possibile identificarvi alcune tracce di interventi costruttivi che interessarono sia le mura sia la torre.
Intorno al portale di accesso in pietra serena molto rimaneggiato, ad esempio, il paramento murario è caratterizzato dalla presenza di una serie di pietre di medie dimensioni di alberese con tonalità rossastra, che daterebbero al pieno XIII secolo l’edificazione di questa cortina muraria.
La tipologia del paramento della torre sembra piuttosto simile a quella della cinta e, in effetti, il suo perimetro e la presenza di alcune aperture su tutte e quattro le facciate dell’edificio con archi a sesto leggermente ribassato in arenaria, datano la struttura almeno alla seconda metà del Duecento, mentre la merlatura delle mura ed il ballatoio
ad esse connesso nella parte alta, sono frutto di un rimaneggiamento recente, probabilmente
ottocentesco.
Assai suggestivo è infine il cortile del palazzo, chiuso da ben tre corpi di fabbrica tra i quali un loggiato con pilastri poligonali in pietra serena che sorreggono una muratura molto regolare, costituita da pietre che potrebbero essere databili alla prima metà del Duecento ed un altro con volte a crociera in laterizio ricostruito con tipico gusto ottocentesco.

Informazioni:
Ufficio Cultura

tel. 055 8545245 - e-mail: m.covino@comune.greve-in-chianti.fi.it
Ufficio Informazioni Turistiche:

tel. 055 8546299 - e-mail: info@turismo.greveinchianti.eu
 
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!